Olio essenziale di lavanda: proprietà e utilizzo

olio essenziale lavanda

L’olio essenziale di lavanda è un estratto altamente concentrato ottenuto dai fiori di Lavandula angustifolia, una pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Labiatae, famosa per le sue molte proprietà – soprattutto calmanti – e molto utilizzata in aromaterapia.

La lavanda dona uno dei migliori oli essenziali naturali. È originaria delle regioni mediterranee, ma è coltivata in molte parti del mondo per i suoi usi terapeutici e cosmetici. È molto conosciuta come pianta per la bellezza e il colore dei suoi fiori ma quasi nessuno conosce le sue proprietà e i benefici del suo utilizzo. Scopriamo insieme tutto quello che c’è sapere sull’olio essenziale di lavanda.

Indice dei Contenuti

Miglior olio essenziale di lavanda

Il miglior olio essenziale di lavanda disponibile su Amazon, secondo le opinioni dei clienti è:

Come si ricava l'olio essenziale di lavanda

La produzione dell’olio essenziale di lavanda avviene attraverso un processo di distillazione a vapore. Durante questo processo, i fiori freschi di lavanda vengono posti all’interno di una camera di distillazione dove vengono esposti al vapore. Il vapore estrae gli oli essenziali dai fiori e viene quindi condensato in un liquido, che è l’olio essenziale di lavanda. Questo metodo di estrazione preserva le delicate proprietà terapeutiche della lavanda, garantendo un olio di alta qualità.

PER APPROFONDIRE >>>

Caratteristiche e composizione

L’olio essenziale di lavanda è composto da una complessa combinazione di composti chimici completamente naturali, che gli conferiscono le sue proprietà terapeutiche distintive. Come tutti gli oli essenziali naturali può essere considerato come l’anima della pianta, in quanto è il risultato dell’estrazione dell’essenza energetica della pianta stessa.

È caratterizzato da una nota di cuore, il che significa che, come nei profumi, la sua essenza si avverte in un secondo momento e agisce sul livello emozionale – il “cuore” appunto –  risvegliando sensazioni profonde. Chakra di riferimento: quinto e, secondariamente, il secondo.

Tra i principali costituenti chimici ci sono:

  • linalolo (20-50%)
  • acetato di linalile (20-30%)
  • acetato di lavandulile
  • lavandulolo
  • beta-cariofillene
  • ocimene
  • cineolo
  • canfora

Il linalolo è responsabile del caratteristico profumo floreale della lavanda e ha proprietà calmanti e rilassanti. L’acetato di linalile contribuisce alle sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. Il beta-cariofillene ha proprietà analgesiche e può aiutare a ridurre il dolore, mentre l’ocimene è noto per le sue proprietà antiossidanti.

Proprietà dell'olio essenziale di lavanda

L’olio essenziale di lavanda grazie alle sue proprietà ha una grande varietà di utilizzi, sia terapeutici che cosmetici. Le sue proprietà sono state oggetto di studio e apprezzamento per secoli, e oggi è ampiamente riconosciuto per i suoi numerosi benefici per la salute mentale, fisica ed emotiva. 

Uno dei suoi utilizzi più comuni è nell’ambito dell’aromaterapia, dove viene utilizzato per favorire il rilassamento, alleviare lo stress e promuovere il sonno.

Una delle proprietà più celebri di quest’olio è il suo potere calmante e rilassante. Il suo profumo delicato e floreale ha dimostrato di avere effetti positivi sul sistema nervoso, riducendo lo stress, l’ansia e promuovendo una sensazione di calma e tranquillità. Questo lo rende un rimedio ideale per coloro che soffrono di stress quotidiano, ansia o difficoltà nel dormire. Aggiungere qualche goccia di olio essenziale di lavanda al diffusore di oli essenziali. Ottimo se usato in sinergia con camomilla romana.

Oltre alle sue proprietà calmanti, ha anche dimostrato di avere effetti benefici sulla pelle. Grazie alle sue proprietà antisettiche e antinfiammatorie, può essere utilizzato per lenire le irritazioni della pelle, ridurre l’infiammazione e accelerare la guarigione delle ferite. È particolarmente efficace nel trattamento di punture di insetti, scottature solari, acne, forforadermatiti. Diluito in un olio vettore come l’olio di cocco o l’olio di mandorle dolci, l’olio essenziale di lavanda può essere applicato direttamente sulla pelle per ottenere risultati rapidi e duraturi.

Inoltre è un potente analgesico naturale. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche aiuta a ridurre il dolore muscolare e articolare, allevia le tensioni muscolari e riduce il disagio associato a mal di testa ed emicranie. Basta massaggiare delicatamente l’olio essenziale di lavanda diluito sulle aree interessate per ottenere sollievo immediato.

Non solo benefico per il corpo, ma ha dimostrato di avere anche effetti positivi sulla salute mentale ed emotiva. È noto per le sue proprietà antidepressive e calmanti che possono aiutare a ridurre i sintomi di ansia e stress cronico. Inalare il profumo rilassante della lavanda attraverso aromaterapia o l’applicazione topica può aiutare a ridurre lo stress e promuovere una sensazione di benessere generale.

L’essenza di lavanda è un potente agente antimicrobico e antiossidante. Le sue proprietà antibatteriche e antivirali lo rendono efficace nel combattere le infezioni e rinforzare il sistema immunitario. Inoltre, i suoi potenti antiossidanti possono aiutare a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi e rallentare il processo di invecchiamento.

Infine, ha dimostrato di avere effetti benefici sul tratto gastrointestinale. Ottimo come digestivo e carminativo per ridurre il gonfiore intestinale e in caso di coliche. Tuttavia in questo caso deve essere assunto per via orale e per fare ciò è sempre necessario rivolgersi al proprio medico e seguire rigorosamente le sue indicazioni e le dosi consigliate.

PER APPROFONDIRE >>>

Come si usa l'olio essenziale di lavanda

L’olio essenziale di lavanda può essere utilizzato in diversi modi per beneficiare delle sue proprietà terapeutiche, sia esternamente che internamente. In quest’ultimo caso è necessario tenere in considerazione che bisogna sempre seguire le indicazioni di un medico esperto e che nella maggior parte dei casi gli oli essenziali per diffusore non sono adatti ad essere ingeriti, servono dunque prodotti specifici. Fatta questa dovuta precisazione, vediamo quali sono i possibili modi di utilizzo dell’olio essenziale di lavanda:

  • Diffusione: aggiungi alcune gocce (5-10) a un diffusore di oli essenziali per aromaterapia e diffondi il profumo nell’ambiente per favorire il rilassamento, ridurre lo stress e per favorire il sonno. Anche qualche goccia sul cuscino può aiutare in tal senso.
  • Massaggio: diluisci alcune gocce (fino a 100) di olio essenziale di lavanda in un olio vettore come l’olio di mandorle dolci e massaggialo sulla pelle per alleviare il dolore muscolare e articolare o per idratare e lenire la pelle secca o irritata. Ricorda che tutti gli oli essenziali naturali non vanno mai usati direttamente sulla pelle ma sempre diluiti.
  • Bagno: aggiungi alcune gocce (fino a 25) di olio all’acqua del bagno per un’esperienza rilassante e rigenerante.
  • Applicazione Topica: applica una goccia di olio direttamente sulla pelle per lenire le irritazioni, ridurre l’infiammazione o accelerare la guarigione delle ferite. Anche per scottature solari e punture di zanzara come abbiamo visto è un ottimo rimedio. È importante diluire l’olio essenziale di lavanda prima dell’uso sulla pelle, poiché può causare irritazioni se applicato direttamente.

PER APPROFONDIRE >>>

Controindicazioni

Esistono alcune controindicazioni da tenere in considerazione quando si utilizza l’olio essenziale di lavanda:

  1. Allergie: le persone con allergie alle piante della famiglia delle Labiatae potrebbero essere sensibili all’olio essenziale di lavanda e dovrebbero evitare il suo utilizzo.
  2. Gravidanza e allattamento: per le donne in gravidanza o in allattamento è sconsigliato usarlo e dovrebbero, eventualmente, consultare un medico. Rimane comunque controindicato il suo utilizzo.
  3. Uso interno: l’olio essenziale di lavanda non dovrebbe essere ingerito senza il consiglio di un professionista sanitario qualificato, poiché potrebbe causare effetti collaterali indesiderati o interazioni con farmaci.

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Non superare la dose giornaliera consigliata.

Conclusione

In conclusione, l’olio essenziale di lavanda è un potente rimedio naturale con molti benefici per la salute e il benessere. Tuttavia, è importante utilizzarlo con cautela e rispettare le dosi e le modalità raccomandate per evitare reazioni indesiderate o effetti collaterali. Se hai domande o dubbi sul suo utilizzo consulta sempre un medico qualificato.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *