Olio essenziale di cannella: proprietà e utilizzo

olio essenziale cannella

L’olio essenziale di cannella è un estratto aromatico ottenuto dalla pianta di cannella, appartenente alla famiglia delle Lauraceae. Esistono due principali varietà di cannella utilizzate per la produzione di olio essenziale: Cinnamomum zeylanicum o Cinnamomum verum (cannella di Ceylon o cannella vera) e Cinnamomum aromaticum (cannella cinese o cassia). Entrambe le varietà presentano caratteristiche simili ma differiscono leggermente per composizione chimica e profumo. La più utilizzata per produrre olio essenziale è la varietà Cinnamomum zeylanicum, quella che presenteremo come prodotto migliore.

La cannella dona uno degli oli essenziali naturali più antichi e apprezzati, utilizzato sia in ambito terapeutico che cosmetico per le sue molteplici proprietà. Apprezzato sin dall’antichità per le sue proprietà digestive, tonificanti e antisettiche, continua ad essere un pilastro dell’aromaterapia moderna e della medicina naturale.

Indice dei Contenuti

Miglior olio essenziale di cannella

Il miglior olio essenziale di cannella disponibile su Amazon, secondo le opinioni dei clienti è:

Come si ricava l'olio essenziale di cannella

L’olio essenziale di cannella si ottiene principalmente attraverso il processo di distillazione in corrente di vapore. Esistono due fonti principali da cui si può estrarre l’olio:

  • Corteccia: L’olio estratto dalla corteccia è noto per il suo aroma caldo e dolce, simile alla spezia stessa. La raccolta avviene rimuovendo la corteccia esterna degli alberi di cannella e poi distillandola per ottenere l’olio essenziale.
  • Foglie: L’olio estratto dalle foglie di cannella ha un aroma più pungente e speziato rispetto a quello della corteccia. Le foglie vengono raccolte, essiccate e poi distillate per produrre l’olio essenziale.

L’olio essenziale di cannella migliore (il più utilizzato e apprezzato) è estratto dalle foglie, e sarà quello su cui concentreremo nel nostro articolo. Il processo di distillazione comporta la vaporizzazione delle componenti volatili della cannella, che vengono poi condensate in forma liquida. Questo metodo permette di ottenere un olio altamente concentrato e ricco di principi attivi.

PER APPROFONDIRE >>>

Caratteristiche e composizione

L’olio essenziale di cannella ha una nota di testa e una di base ed è noto per il suo aroma caldo, speziato e dolce, che lo rende molto popolare nell’aromaterapia e nella profumeria. Il colore dell’olio può variare dal giallo scuro al marrone dorato.

Come tutti gli oli essenziali naturali può essere considerato come l’anima della pianta, in quanto è il risultato dell’estrazione dell’essenza energetica della pianta stessa. Chakra di riferimento: secondo. I principali costituenti sono:

  • eugenolo: presente in quantità maggiori nell’olio estratto dalle foglie. Ha un aroma simile ai chiodi di garofano e possiede proprietà antisettiche e analgesiche.
  • aldeide
  • cinnamil acetato: un estere che contribuisce all’aroma dolce e fruttato dell’olio essenziale di cannella.
  • cinnamica
  • linalolo: presente in piccole quantità, il linalolo contribuisce all’aroma floreale e dolce dell’olio.
  • safrolo

Proprietà dell'olio essenziale di cannella

Proprietà antibatteriche e antimicotiche:

L’olio essenziale di cannella è noto per la sua potente azione antibatterica e antimicotica che gli conferiscono la capacità di combattere infezioni e infiammazioni. È efficace contro batteri e anche parassiti intestinali. Può essere utilizzato durante i periodi di raffreddore e influenza. Queste proprietà lo rendono utile anche per trattare infezioni cutanee, micosi e altre condizioni causate da microorganismi patogeni. La cinnamaldeide e l’eugenolo sono i principali responsabili di queste proprietà.

Proprietà antinfiammatorie:

Grazie alla presenza di composti come l’eugenolo può essere utilizzato per alleviare infiammazioni e dolori articolari, muscolari e condizioni infiammatorie della pelle.

Proprietà digestive:

L’olio essenziale di cannella ha proprietà digestive e carminative che aiutano a migliorare la digestione e alleviare disturbi gastrointestinali come il gonfiore, la flatulenza e l’indigestione. Stimola la produzione di enzimi digestivi e ha un effetto tonico sul tratto digestivo. Solitamente viene massaggiato sull’addome, sempre diluito in un olio vettore, o anche per via interna, ma sempre sotto controllo di un medico o un terapeuta esperto.

Tonico e stimolante:

Se inalato ha un’azione stimolante per il sistema nervoso che aiuta in caso di senso di stanchezza o tristezza. Il suo calore dona la sensazione di “casa”. Ideale per soggetti timidi, che si sentono isolati o che hanno difficoltà a mettersi in gioco.

Proprietà afrodisiache:

È tradizionalmente considerato un afrodisiaco naturale. Il suo aroma caldo e speziato aiuta a stimolare i sensi e migliorare l’umore, contribuendo a creare un’atmosfera eccitante e romantica.

PER APPROFONDIRE >>>

Come si usa l'olio essenziale di cannella

L’olio essenziale di cannella può essere utilizzato sia esternamente che internamente. In quest’ultimo caso è necessario tenere in considerazione che bisogna sempre seguire le indicazioni di un medico o terapeuta esperto e che nella maggior parte dei casi gli oli essenziali per diffusore non sono adatti ad essere ingeriti, servono dunque prodotti specifici. Fatta questa dovuta precisazione, vediamo quali sono i possibili modi di utilizzo.

  • Aromaterapia: può essere diffuso nell’aria utilizzando un diffusore di oli essenziali ma essendo un’essenza potenzialmente irritante è consigliato usarla (in diffusione) assieme ad altri oli come limone e arancio dolce. In questo modo si può beneficiare delle sue proprietà stimolanti e afrodisiache. È sufficiente aggiungere poche gocce di olio essenziale all’acqua del diffusore per godere dei suoi benefici.
  • Applicazione topica: può essere applicato sulla pelle, ma deve essere sempre diluito in un olio vettore, come l’olio di cocco, di mandorle dolci o di jojoba, per evitare irritazioni. Una miscela tipica prevede 3-5 gocce di olio essenziale per ogni cucchiaio di olio vettore. Questa miscela può essere utilizzata per massaggi in caso di dolori muscolari e infiammazioni, ma anche per rilassare la muscolatura. Ottimo anche in trattamenti per la pelle in caso di infezioni, acne e abrasioni, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e antibatteriche.
  • Uso interno: l’uso interno degli oli essenziali naturali dovrebbe essere fatto solo sotto la guida di un medico o un terapeuta esperto. L’olio essenziale di cannella può essere utilizzato internamente per trattare alcune condizioni, come gonfiore e infezioni batteriche o parassitarie o semplicemente come digestivo, ma è fondamentale seguire dosaggi e modalità consigliate da un professionista (e del produttore) per evitare effetti collaterali. Mai ingerire olio essenziale non diluito.
  • Bagni aromatici: aggiungere alcune gocce di olio essenziale di cannella a un bagno caldo può creare un’esperienza rilassante e rivitalizzante. Questo metodo è utile principalmente per alleviare lo stress, lenire i dolori muscolari e promuovere la guarigione della pelle, ma è molto efficace nel ridurre le infiammazioni cutanee.

PER APPROFONDIRE >>>

Controindicazioni

Nonostante i numerosi benefici dell’olio essenziale di cannella, è importante essere consapevoli delle possibili controindicazioni e precauzioni per evitare effetti indesiderati. È importante usarlo con cautela e ricordare che deve essere diluito con un olio vettore prima di applicarlo sulla pelle. Vediamo le principali controindicazioni:

  • Gravidanza e allattamento: è sconsigliato l’uso di olio essenziale di cannella durante la gravidanza o l’allattamento.
  • Uso nei bambini: il suo utilizzo è sconsigliato anche nei bambini. La pelle dei bambini è più sensibile e può reagire in modo diverso rispetto a quella degli adulti.
  • Allergie e reazioni cutanee: alcune persone possono essere allergiche o sensibili all’olio essenziale di cannella e per evitare reazioni indesiderate, si consiglia di eseguire un test preliminare su una piccola area di pelle prima dell’uso estensivo. Sarà sufficiente mescolare una goccia di olio essenziale con un olio vettore, come olio di oliva o mandorla, e applicarlo su una piccola area di pelle; attendere poi 24h per vedere se compaiono arrossamento, prurito, gonfiore o irritazioni.
  • Uso interno: l’uso interno dell’olio essenziale di cannella deve essere fatto con estrema cautela. È altamente concentrato e può essere tossico se ingerito in grandi quantità. Prima di assumerlo per via interna, è fondamentale consultare un medico o un professionista dell’aromaterapia certificato. Non superare mai le dosi consigliate.
  • Interazioni con farmaci: l’olio essenziale di cannella può interagire con alcuni farmaci, in particolar modo quelli che regolano i livelli di zucchero nel sangue. Se stai assumendo farmaci, consulta sempre un medico prima di utilizzare l’olio essenziale.
  • Occhi e mucose: evita il contatto con gli occhi e le mucose. Se l’olio entra in contatto con queste aree, risciacqua immediatamente con abbondante acqua e consulta un medico se necessario.
  • Fotosensibilità: può aumentare la sensibilità della pelle alla luce del sole causando scottature e irritazioni. È sempre meglio evitare l’esposizione diretta al sole dopo l’applicazione topica di oli essenziali.

Un uso corretto dell’olio essenziale di cannella richiede una diluizione adeguata. Per l’uso topico, una diluizione del 2-3% è generalmente sicura per adulti, il che equivale a circa 10-20 gocce di olio essenziale per 30 ml di olio vettore.

Tenere fuori dalla portata dei bambini. Non superare la dose consigliata.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *